L’ultimatum di Putin al milione di clandestini presenti in Russia: “Entro il 15 giugno lascino il Paese o saranno espulsi”


Da The Moscow Time – (traduzione Google Translate) – La Russia ha chiesto ai migranti degli stati post-sovietici che vi risiedono illegalmente di lasciare il paese entro il 15 giugno, secondo quanto riportato venerdì dall’agenzia di stampa statale RIA Novosti . A metà dicembre, il presidente Vladimir Putin ha esteso lo status di residenza dei cittadini stranieri residenti in Russia fino al 15 giugno 2021, a causa della pandemia di coronavirus. Ciò ha riguardato i migranti provenienti da paesi della Comunità di Stati Indipendenti (CSI) che vivono in Russia senza un’adeguata documentazione.

“Queste persone saranno punite con l’espulsione e la chiusura delle frontiere” se non se ne andranno entro la scadenza del 15 giugno, ha detto il vice ministro dell’Interno Alexander Gorovoy a RIA Novosti in un’assemblea interparlamentare della riunione del Commonwealth. Secondo i dati del ministero dell’Interno, più di 332.000 migranti illegali dall’Uzbekistan risiedono attualmente in Russia, insieme a 247.000 dal Tagikistan, 152.000 dall’Ucraina, 120.000 dall’Azerbaigian, 115.000 dal Kirghizistan, 61.000 dall’Armenia, 56.000 dalla Moldova e 49.000 dal Kazakistan.

La Russia sta vivendo una carenza di manodopera a causa delle chiusure delle frontiere legate alla pandemia e sta cercando di semplificare i requisiti di ingresso per i lavoratori migranti in settori come l’edilizia e l’agricoltura. A più di un anno dall’inizio della pandemia, solo a una manciata di cittadini di paesi è permesso entrare in Russia. Il ministero dell’Interno ha stimato alla fine dell’anno scorso che quasi la metà di tutti i migranti che vivevano in Russia prima della pandemia aveva lasciato il paese.

Leggi la notizia su The Moscow Time