L’odiatore seriale Di Battista torna alla carica: una valanga di insulti contro il ministro Matteo Salvini





I grillini non hanno compreso bene la mossa del leader del Carroccio che di fatto cerca di sottolineare quanti “no” da parte 5S blocchino la crescita del Paese. I 5 Stelle ne fanno un questione perosonale e come tale la trattano, attaccando l’uomo Salvini non il politico. Basta leggere l’ultimo post su Facebook di Di Battista per rendersene conto: “Il Ministro del tradimento inizia a dare cenni di pentimento. Infatti ha appena dichiarato: ‘non ho mai detto a Conte di voler staccare la spina al governo’. Forse gli sta passando l’hangover provocato dalla settimana “papeetiana” o forse una serie di ministri leghisti ai quali aveva promesso scatti di carriera, potere assoluto e mesi di open bar iniziano a lamentarsi“.

Poi rispolvera i luoghi comuni su sccoter d’acqua e Papeete: “Fino al 20 agosto vada in vacanza. In cambio del suo silenzio possiamo concedergli di tutto: cocktail, moto d’acqua, passeggiate mattutine al guinzaglio di Berlusconi ma la faccia finita con questa ridicola telenovela“. Livore e voglia di rivalsa. Forse Dibba vuole vendicarsi per quel gradimento nei sondaggi che ha raccolto il ministro degli Interni e che invece non è mai arrivato per lui. Infine Dibba, senza alcun ruolo istituzionale e nel Movimento, chiede un “rimpasto della Lega”: “Al netto delle critiche che ho sempre mosso alla Lega posso dire che al suo interno ci sono persone molto più credibili di Salvini. Sono le stesse persone che in queste ore lo stanno trattando come un inetto“. Altro insulto, come è nel suo stile.

Leggi la notizia su Il Giornale

   Segui le nostre rassegne su Facebook e su Twitter