Lo sceriffo di Los Angeles sfida Biden: “Non obbligherò i miei dipendenti a vaccinarsi”


Di Edoardo Gagliardi – Vi abbiamo raccontato su Byoblu delle numerose proteste contro il green pass tra le forze dell’ordine in Italia. Ne abbiamo parlato in questo articolo. Il malcontento però si diffonde anche in altri Paesi. Negli Stati Uniti, in California, lo sceriffo della contea di Los Angeles, Alex Villanueva, ha annunciato che non obbligherà i suoi sottoposti alla vaccinazione.

Non voglio costringere nessuno“, ha detto Villanueva, “Ci sono interi gruppi di dipendenti disposti a essere licenziati, piuttosto che vaccinarsi”. Ha aggiunto che avrebbe perso il 5-10% del suo staff “da un giorno all’altro” se avesse applicato l’ordinanza di vaccinazione così come emanata dal Consiglio comunale di Los Angeles.

Già nei mesi scorsi lo sceriffo si era dichiarato contrario all’uso delle mascherine al chiuso, definendo l’obbligo della mascherina come “non supportato da evidenze scientifiche”, soprattutto per i già vaccinati o coloro che hanno avuto il Covid19.

Il mese scorso un gruppo di dipendenti della polizia di Los Angeles ha fatto causa alla città, affermando che la regola violerebbe il loro diritto alla privacy costringendoli a rivelare il loro stato di vaccinazione. Lo sceriffo Villanueva ha inoltre messo in evidenza il fatto che i già pesanti tagli al budget della polizia di Los Angeles, associati alle perdite di personale che si verrebbero a creare con gli agenti licenziati per non essersi vaccinati, porterebbero a seri problemi di gestione dell’ordine pubblico della città.

Gli omicidi nella contea di Los Angeles sono aumentati, con la città che ha riportato un aumento del 31% nei primi sei mesi dell’anno rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. “A volte si tratta di scegliere il male minore” – ha spiegato lo sceriffo. Detto altrimenti, si può mettere in difficoltà l’ordine pubblico per aderenza ad una regola che si dimostra, non solo negli Stati Uniti, sempre più lontana dalla realtà e dalle esigenze dei cittadini e dei lavoratori?

Il mandato promulgato dal Consiglio Comunale di Los Angeles, uno dei più severi della nazione, prevede che chi accede a locali come bar, ristoranti, palestre ed eventi sportivi mostri un certificato di vaccinazione o un test Covid-19 negativo. Entrerà in vigore il 4 novembre prossimo. L’ordinanza non riguarderà le farmacie ed i negozi di alimentari. Los Angeles ha anche ordinato che i dipendenti della città vengano vaccinati. Circa il 24% dei 12.000 dipendenti del dipartimento di polizia di Los Angeles il mese scorso ha chiesto esenzioni religiose o mediche alla vaccinazione.

Leggi la notizia su Byoblu