Le proposte della Cgil per i lavoratori? Aprire i porti ai migranti, chiudere Casapound. E la piazza “rossa” si esalta

di Marta Lima – Antifascismo, porti chiusi da aprire, CasaPound da chiudere, poi, a margine, qualcosina anche su quello che dovrebbe essere il tema del giorno, l’economia, il lavoro, i diritti dei lavoratori, il Paese in recessione. Il Primo Maggio di Bologna, per la Cgil, ha visto sul palco il neo segretario Maurizio Landini, davanti a circa 30milai partecipanti, aizzati contro la destra e contro il governo giallo-verde.

“Meglio lo 0,1 che niente, ma non è neanche un prefisso, se guardiamo i dati complessivi noi continuiamo a essere indietro”, ha detto Landini, per poi virare sulla politica e Salvini: “Se vuole rispettare la Costituzione su cui ha giurato non deve chiudere i porti, ma deve chiudere le sedi di Casapound”.

Il segretario ha poi ripercorso alcune tappe della storia e avviato un lungo j’accuse sulle leggi razziali, il Ventennio, la guerra, la chiusura della Camera del lavoro per andare a parare sul tema dell’antifascismo. “Il fascismo – ha detto – non è un’idea, il fascismo è un crimine e lo dobbiamo ricordare sempre”.  Quanto bastava per esaltare la piazza “rossa”, che ha a lungo applaudito.

In testa al corteo che ha attraversato le strade di Bologna, lo striscione ‘La nostra Europa: lavoro, diritti e stato sociale’ e i tre leader nazionali Maurizio Landini (Cgil), Anna Maria Furlan (Cisl) e Carmelo Barbagallo (Uil). Presenti, tra gli altri, l’ex leader Cgil Susanna Camusso, l’arcivescovo di Bologna monsignor Matteo Maria Zuppi, rappresentanti delle istituzioni locali, col presidente di Regione Stefano Bonaccini e il sindaco Virginio Merola, e rappresentanti nazionali, come il senatore Vasco Errani (Liberi e Uguali).

Leggi la notizia su Il Secolo D’Italia

   Segui le nostre rassegne su Facebook e su Twitter