L’anestesista “ribelle” sospesa perché critica il Green Pass: “Io non sono un medico che scodinzola al regime” (Video)





Di Miriam Gualandi – L’anestesista Barbara Balanzoni è stata sospesa alcuni giorni fa dall’Ordine dei medici, nonostante abbia una esenzione dalla vaccinazione, a causa di una precisa controindicazione. Come se non bastasse, il Ministero della salute ha richiesto all’Ordine di fare delle indagini sul comportamento della dottoressa, giudicato “deontologicamente scorretto” per il suo modo di approcciarsi al tema “vaccini” e “green pass”.

Non solo. La dottoressa Balanzoni punta il focus anche su un aspetto importante: gli anestesisti sono la figura professionale di cui il nostro sistema sanitario ha estrema carenza. La sua sospensione, apparentemente ingiustificata, mette decine di pazienti nella condizione di non poter essere curati o di veder slittare le operazioni. “Finché siamo carne da macello va tutto bene“, dice Balanzoni, “poi quando diventi il simbolo della lotta contro il nazismo allora vai punito“.


Leggi la notizia su Byoblu