La storia si ripete, l’Ong Ocean Viking chiede al governo PD-M5S di far sbarcare i 104 clandestini in Italia



di Ludovica Colli – Roma, 21 ott – Ci risiamo, la nave Ong Ocean Viking ha chiesto a Italia e Malta di garantire un porto sicuro per lo sbarco dei 104 immigrati irregolari che sono a bordo dalla scorsa settimana.

“La Ocean Viking ha lasciato la zona di ricerca e soccorso libica e ha richiesto un luogo sicuro ai Maritime Rescue Coordination Centre (Mrcc) Italiano e Maltese, chiedendo loro di coordinarsi in quanto Mrcc con maggiore capacità di assistenza per facilitare lo sbarco il prima possibile”, si legge in una nota di Sos Mediterranée, l’Ong che insieme a Medici senza frontiere gestisce la nave.

Secondo un copione già visto, gli irregolari a bordo della nave sono stati prelevati giovedì scorso da un gommone 90 chilometri al largo delle coste libiche e la Ocean Viking si è rifiutata di riportarli in Libia. La scorsa settimana la Ocean Viking ha sbarcato 176 immigrati irregolari nel porto di Taranto, dopo aver chiesto il permesso di sbarco alle autorità italiane e maltesi, e ovviamente si prepara a fare la stessa operazione anche questa volta, approfittando dei porti spalancati dal governo giallofucsia.

L’ultima volta, a meno di un giorno dalla richiesta di porto sicuro, il premier Giuseppe Conte ha concesso alla stessa, velocissima nave il porto di Taranto (era meno di una settimana fa) per sbarcare il “prezioso carico” di clandestini. Vedremo questa volta quanto tempo ci metterà. A meno che, con un colpo di scena, il governo maltese non accolga la richiesta della Ocean Viking.

di Ludovica Colli

leggi la notizia su Il Primato Nazionale