La Spezia, picchiata e segregata dal marito perché vuole vivere all’occidentale: arrestato un marocchino





(ANSA) – LA SPEZIA, 6 MAR – Un marocchino di 54 anni sul quale pendeva una condanna a 5 anni e mezzo per maltrattamenti in famiglia e lesioni ai danni della moglie ‘colpevole’ di voler vivere all’occidentale, è stato arrestato dai carabinieri di Sarzana. I fatti risalgono al 2016 quando la donna, che frequentava un corso per perfezionare l’italiano, aveva avvicinato i carabinieri dicendo di subire violenze e vessazioni dal marito che non accettava che si integrasse, tanto da proibirle qualsiasi forma di socializzazione compreso fare la spesa nei centri commerciali. I militari avevano accertato numerosi accessi al pronto soccorso da parte della donna e con l’aiuto del personale del centro antiviolenza di Sarzana erano riusciti a conquistare la fiducia della donna facendole confessare i soprusi, le costrizioni e le violenze (veniva picchiata con calci e pugni) a cui era sottoposta dal marito.
L’uomo era stato allontanato dall’abitazione, poi il processo e la condanna, infine l’arresto per effetto dell’ordine di carcerazione.

leggi la notizia su Ansa

   Segui le nostre rassegne su Facebook e su Twitter