La Russia fa prima di tutti, l’annuncio di Putin: “Abbiamo trovato il vaccino contro il Covid. Testato su mia figlia”


L’annuncio di Vladimir Putin, in persona, scuote il mondo: “La Russia ha trovato il vaccino contro il coroanvirus“, assicura. Le parole dello zar vengono rilanciate dall’agenzia russa Ria Novosti, una sorta di agenzia governativa, che spiega come il vaccino contro il Sars-CoV-2 sarebbe stato sviluppato dall’istituto Gamaleya. Dunque, le parole del presidente: “Per quanto ne so questa mattina è stato registrato il primo vaccino contro il coronavirus nel mondo. So che è efficace, che crea una immunità stabile e ha superato tutti i controlli necessari”. Dunque la conferma del ministro della Salute, Mikhail Murashko, secondo cui il vaccino avrebbe sviluppato in tutti i volontari “un alto livello di anticorpi e nessuno di loro ha avuto serie complicazioni”.

Ma non solo, Putin ha assicurato che “a una delle mie figlie è stata somministrata una dose del vaccino. Ha preso parte alle sperimentazioni. La temperatura  le è andata a 38 gradi per un giorno, poi è tornata alla normalità”, ha affermato. Ovviamente, resta qualche dubbio: potrebbe infatti trattarsi di una mossa propagandistica, soprattutto in un momento così difficile per gli Stati Uniti, ancora falcidiati dalla pandemia. Inoltre, prima di poter somministrare un vaccino alla popolazione deve essere stata conclusa la cosiddetta Fase 3 di studio, che prevede il test su migliaia di persone e la verifica della sicurezza tramite studi scientifici: step che molto difficilmente possono essere già stati completati.

Ma tant’è, dalla Russia fanno sapere che la campagna vaccinale “inizierà a settembre” per i lavoratori della sanità, mentre verrà utilizzato sulla popolazione “dal primo gennaio 2021”. Già qualche settimana fa la Russia aveva annunciato una campagna vaccinale di massa. Ma ad ora non esistono conferme scientifiche circa la scoperta e la bontà del vaccino annunciato da Putin.

Leggi la notizia su Libero Quotidiano

Segui le nostre rassegne su Facebook e su Twitter