La portavoce di Sea Watch 3 Giorgia Linardi sfida ancora l’Italia: “Il decreto Salvini? Non mi interessa” (Video)


La Sea Watch 3 del decreto sicurezza-bis voluto da Matteo Salvini se ne frega, così come se ne frega delle multe salatissime introdotte dal testo per chi sfida il divieto di varcare. Lo dice chiaro e tondo a L’aria che tira, il programma di approfondimento politico su La7, Giorgia Linardi, portavoce della Ong. “Il divieto introdotto dal decreto sicurezza – premette – non cambia in nessun modo il quadro del diritto internazionale. I motivi per cui noi ci siamo diretti verso Lampedusa sono molto chiari: la Libia non costituisce un porto sicuro, non è un’opzione. Fine della questione. In questo momento davanti alla Tunisia ci sono 75 persone intrappolate su un mercantile, siamo al 17esimo giorno di attesa, la Tunisia non si è palesata, tra Lampedusa e Malta ci sono circa 50 miglia, il porto sicuro più vicino, mi dispiace, è geograficamente l’Italia”. Insomma, Sea Watch non arretra di un centimetro nel braccio di ferro con Italia, Viminale e Salvini. Per loro, l’unico “porto sicuro”, rimarrebbe Lampedusa. In barba alle nostre nuove leggi.

Leggi la notizia su Libero Quotidiano