La Nato minaccia ancora: “Siamo pronti ad intervenire in Kosovo”. Ma ora devono fare i conti con Putin


(ANSA) – BRUXELLES – “La nostra missione di pace in Kosovo è focalizzata sul mandato ricevuto dall’Onu: dovesse la situazione deteriorare siamo pronti a intervenire. Il dialogo è l’unica soluzione per la regione”. Lo ha detto Jens Stoltenberg, segretario generale della Nato, nel corso della conferenza stampa con il serbo Aleksandar Vučić.

“La Serbia è pronta a rispettare tutti i trattati che ha firmato, vogliamo evitare ogni possibile escalation con la Nato: crediamo di non avere dato adito a nessuna provocazione”. Ha invece sottolineato Vučić, aggiungendo di non ritenere che esistano “rischi reali” di una “escalation” e accusando la leadership kosovara di “retorica politica”. “Da 180 giorni ci accusano di preparare azioni militari ma non è accaduto nulla. Abbiamo bisogno di un approccio razionale, di negoziati, di trovare compromessi. E noi siamo pronti”.

(Ma ora i guerrafondai della Nato devono fare i conti con la Russia di Putin ndr.)

leggi la notizia su Ansa