Jesi, straniero mangia a sbaffo all’aperitivo. Poi aggredisce la barista e prende a testate e morsi un cliente che la difende

Da Corriere Adriatico -JESI – Attimi di caos ieri pomeriggio verso le 18 al “Bar Giù al L’Angoletto”, in corso Matteotti. Uno straniero ha chiesto alla barista un bicchiere d’acqua del rubinetto e poi ha approfittato del ricco buffet per gli aperitivi in esposizione sul bancone. La barista inizialmente lo ha lasciato mangiare, salvo poi invitarlo a moderarsi visto che aveva soltanto chiesto un bicchiere d’acqua. Ne è scaturita una reazione scomposta da parte dell’uomo, che ha inveito contro la ragazza spintonandola.


Lei lo ha invitato a uscire ma i toni stavano degenerando. A quel punto, è intervenuto uno dei clienti, Paolo Grassetti, 62 anni, il gemello del noto avvocato jesino Antonio. «Quando ho visto che metteva le mani addosso a una donna non ho potuto fare a meno di intervenire», ha raccontato Grassetti, aggredito a sua volta, raggiunto da una testata al sopracciglio, da un morso e spinto con violenza contro una vetrata andata in frantumi. A quel punto gli altri presenti hanno lanciato l’allarme al 112 e sul posto sono intervenute due pattuglie della vicina caserma dei carabinieri.

Intanto lo straniero era uscito dal bar e s’era diretto verso l’Arco Clementino. Poi ci ha ripensato ed tornato indietro, ma s’è trovato di fronte i carabinieri, che lo hanno bloccato e portato in caserma per l’identificazione e le procedure del caso.

Leggi la notizia su Il Corriere Adriatico 

   Segui le nostre rassegne su Facebook e su Twitter