Inciucio giallorosso: il PD tornerà al governo per la 4ª volta in 6 anni senza il mandato degli elettori italiani


Di Pietro Mancini – Se è vero che le tanto agognate quanto disprezzate “poltrone” sono sempre quelle degli altri, non si può negare che quello tra grillini e democratici si prospetti come “il patto delle cadreghe”. E, qualora il governicchio Dibba-Boschi nascesse, per la quarta volta, in 6 anni, il PD guiderebbe il Paese, senza il “disco verde” degli elettori.

E, ancora una volta, la politica rinuncia a guidare l’opinione pubblica, come ha osservato, ieri, Massimo Cacciari, ex deputato del PCI, che ha definito l’ipotesi di accordo Pd – M5s «una manovra di Palazzo indecente». L’ex sindaco di Venezia, e non solo lui, trova «surreale che, dopo aver sparato a palle incatenate per anni, essersi insultati, essersene dette di tutti i colori, adesso Pd e 5 Stelle cerchino accordi, senza aver fatto un minimo di autocritica”. E Mattarella ? Il filosofo auspica che il Capo dello Stato bocci l’inciucio.

Eppure, la sinistra dovrebbe, finalmente, aver capito che i “ribaltoni” sono deleteri, soprattutto per i partiti, che li organizzano. Romano Prodi, 20 anni dopo la caduta del suo primo governo, ha osservato : “Farlo cadere, in quel modo, con un colpo di mano di Bertinotti, orchestrato da D’Alema e Marini, tutti interni alla coalizione, è stato un errore enorme. Una catastrofe. La prova provata dell’inaffidabilità della sinistra. Che abbiamo pagato per tutti gli anni a venire”. Con l’esecutivo del Prof.scomparvero le speranze, diffuse in tanti elettori progressisti dalla nascita dell’Ulivo.

Come fanno a non comprendere i capi del PD e del M5S dell’errore, che stanno compiendo ? In primis, Di Maio e c. non possono ignorare che il sentimento dei militanti sia agli antipodi rispetto al “governissimo”. Mentre l’immagine più realistica del PD l’ha colta Michele Serra : il buon fratello di Montalbano sta conducendo una trattativa faticosa, con Renzi in groppa, vendicativo e impegnato a restituire agli avversari interni venti chili di slealtà rispetto ai 10 subiti.

La risposta di Cacciari : “Oggi i supposti big sono tutte terze o quarte file della politica. Zingaretti è un bravo amministratore. Però, da qui a pensarlo come un leader politico ce ne corre. Renzi ? Aspetta di fare un suo partito”.

E il sociologo Domenico De Masi : “Rispetto all’avvio della legislatura, nulla è cambiato nei vertici del M5S e del PD. Entrambi i partiti hanno leader di pessima qualità. E Casaleggio jr dovrebbe passare la palla, per non distruggere la macchina ingegnosa, che il padre ha creato”.

Dopo la caduta del Salvimaio, nascerebbe un Governicchio non “per” cercare di risolvere i tanti problemi del Paese, ma esclusivamente “contro” il temuto, e molto popolare, leader, Matteo Salvini. Che continua a essere il politico più attaccato e temuto, in quanto determinato ad attuare profondi cambiamenti, in tanti, delicati settori. In primis, quello della sicurezza e dell’immigrazione.

Uno dei non pochi osservatori, ossessionati dal Matteo leghista, si è chiesto se il Capo della Lega continuerà a mangiare nutella in diretta social e se “perderà, definitivamente, la testa o la ritroverà”…

Governo giallorosso, dunque, all’insegna di due paure : l’ascesa di Salvini e l’addio alle poltrone. Altro che “esecutivo forte per l’Italia risorta”, auspicato, ieri, da Scalfari, a cui l’età ha giocato un brutto scherzo : ha confuso l’ex leader del PSDI, Pietro Longo, che finì in cella per l’affaire Lockeed, con il successore di Togliatti al vertice del “partitone rosso”, Luigi Longo.

Invece la notizia su Affari Italiani

Segui le nostre rassegne su Facebook e su Twitter