In Australia “campi di concentramento” per i positivi: residenti prelevati con la forza e trasferiti nelle aree-quarantena


Di – L’esercito australiano ha iniziato a rimuovere con la forza  i residenti di alcune aree dei Norther Territories  campo di quarantena di Howard Springs nell’area di Darwin , dopo che nove nuovi casi di Covid-19 sono stati identificati nella comunità di Binjari.  Il provvedimento riguarda Binjari e la vicina Rockhole

La struttura di quarantena di Howard Springs ha una capacità per mettere in quarantena 2000 viaggiatori internazionali e 1000 interni, ma ora sarebbe usata per cittadini australiani residenti nei Northern Territories.
“I residenti di Binjari e Rockhole non hanno più i cinque motivi leciti per lasciare le loro case con il lockdown”, ha detto il primo ministro del Territorio del Nord Michael Gunner, riferendosi ai cinque motivi consentiti del paese per evitare il lockdown (acquisto di cibo e forniture, esercizio fisico fino a due ore, cura o assistenza, lavoro o istruzione se non può essere svolto da casa e farsi vaccinare nel luogo più vicino possibile). Quindi, tolti questi motivi base, non resta che la deportazione.

“Possono partire solo per cure mediche, in caso di emergenza o come richiesto dalla legge”.

“È molto probabile che più residenti vengano trasferiti a Howard Springs oggi, e questo riguarda sia i positivi sia i loro  contatti stretti”, ha continuato, aggiungendo “Abbiamo già identificato 38 contatti stretti da Binjari ma quel numero aumenterà. Quei 38 vengono trasferiti Ora. ”

“Ho contattato il Primo Ministro la scorsa notte. Siamo grati per il supporto di circa 20 membri del personale dell’ADF (l’esercito australiano NdT), così come i camion dell’esercito per assistere con il trasferimento di casi positivi e stretti contatti – e per supportare le comunità. Oggi stiamo facendo una valutazione di quali risorse extra potremmo aver bisogno dai Fed e il Primo Ministro è pronto ad aiutare ulteriormente – lo ringrazio per questo”.

Siamo forse al primo caso al mondo di deportazione potenziale  dell’intera popolazione di una piccola città. Gli australiani non avrebbero mai pensato di arrivare a questo punto, ma questo accade quando non si tutelano a sufficienza i diritti delle minoranze.

Leggi la notizia su Scenari Economici