Il “traditore” Frattini salva Speranza: riammessa la “Tachipirina e vigile attesa” che ha causato centinaia di morti





Di – “La Storia si ripete sempre due volte: la prima come tragedia, la seconda come farsa”. Il Consiglio di Stato resuscita il protocollo ministeriale “Tachipirina e vigile attesa” sospendendo l’annullamento, deciso dal TAR del Lazio, della circolare che indicava ai medici questa come unica utile terapia domiciliare per il Covid.

La decisione, firmata Franco Frattini, che voci vorrebbero candidato alla Presidenza della Repubblica,  è stata presa sulla base di un ricorso del Ministero della Salute, quindi di Roberto Speranza, che si è opposto alla cancellazione della circolare perché questa non conterrebbe “Indicazioni”, ma solo “Raccomandazioni”, per cui non nuocerebbe la libertà terapeutica del Medico di medicina generica (MMG) che semplicemente riassumerebbero le indicazioni scientifiche più recenti.


A questo punto però non si capisce perché il Ministero si ostini a difendere quelli che dovrebbero, a suo dire, essere solo dei suggerimenti, dando per scontato che i medici non siano in grado di lèggerai da soli una rivista scientifica o di consultare internet in materia. Senza considerare che sono ormai molteplici i medicinali approvati dall’OMS per il trattamento del Covid-19, e altri sono in arrivo approvati già dalla FDA: che senso ha difendere una circolare ormai superata?

Comunque si è abbandonata la tragedia e ci si avvicina di più alla farsa, lasciando letteralmente nel caos i medici di famiglia. Tachipirina (Paracetamolo) o no? Altri antinfiammatori approvati OMS? Oppure lasciamo semplicemente la gente a casa aspettando che gli passi? Non è che con il ricorso qualcuno voglia proteggere eventuali responsabilità che potrebbero risultare dall’applicazione di protocolli diversi? Chissà se qualcuno si farà qualche domanda…

Leggi la notizia su Scenari Economici