Il sindaco dell’Aquila “caccia” Roberto Saviano e Zerocalcare: “Niente passerelle con i soldi dei cittadini”





Di Paolo Sturaro – L’Aquila non è un palcoscenico per fare le sfilate. C’è dramma, c’è sofferenza. Il sindaco dell’Aquila, Pierluigi Biondi (FdI), si scontra con la direttrice artistica del Festival degli incontri che si svolge nel capoluogo abruzzese. E dice no alla presenza di Roberto Saviano e del disegnatore Zerocalcare.«Non è che non voglio Saviano o Zerocalcare», specifica Biondi all’Adnkronos. «Ma siccome sono in ballo 700mila euro che il Mibac ha stanziato per il rilancio dell’Aquila, non voglio sciacalli che approfittano per fare la passerella coi soldi nostri, oltretutto senza concordarlo con noi».

«Non c’è nemmeno un aquilano o un abruzzese che partecipi – continua il primo cittadino del capoluogo abruzzese – e non ho mai avuto il piacere di ricevere una telefonata né di conoscere la faccia o di parlare con la dottoressa Silvia Barbagallo da quando è stata designata direttore artistico della manifestazione. Se pensa, con i soldi per il decennale del terremoto, di imbastire una kermesse a suo uso e consumo ha sbagliato. Non ho la sveglia appesa al collo».

Leggi la notizia su Il Secolo D’Italia

   Segui le nostre rassegne su Facebook e su Twitter