Il premier di St. Vincent (Caraibi) pestato a sangue dai cittadini inferociti dopo l’annuncio dell’obbligo vaccinale





Di – Il primo ministro di St. Vincent e Grenadine è stato ricoverato in ospedale dopo essere stato colpito alla testa da una pietra durante una protesta contro la proposta dell’obbligo vaccinale universale nell’isola, con immagini online che lo mostrano insanguinato dalla ferita.

Il primo ministro Ralph Gonsalves  area stato affrontato da centinaia  di manifestanti  quando è arrivato in parlamento giovedì pomeriggio, con la folla che protestavano contro il  disegno di legge che costringerebbe alla vaccinazione tutta la nazione caraibica. L’ufficio di Gonsalves ha confermato in una dichiarazione che è stato “aggredito fisicamente e ferito dai manifestanti dell’opposizione mentre tentava di entrare nella Camera dell’Assemblea”.

Un manifestante è riuscito a lanciare una grossa pietra o un mattone contro il primo ministro, ferendolo un poco al di sopra della tempia ed ha iniziato a sanguinare copiosamente, dovendo essere portato in ospedale. Il figlio Camilo Gonzales, che è anche ministro delle finanze (un governo di famiglia…) ha aggiunto che il padre sarà portato a Barbados per accertamenti. Nel frattempo le proteste contro l’obbligo vaccinale sono proseguite.

L’opposizione ha accusato il presidente di aver causato la rivolta per non essere stato in grado di offrire nessuna soluzione se non questo obbligo.

Leggi la notizia su Scenari Economici