“Il governo tedesco ordinò di sbarcare i migranti in Italia”: ora la sinistra vuole nascondere l’attacco all’Italia




 – “Fake news“. Un’espressione che ha cominciato a circolare nel 2016, in seguito all’ascesa di Donald Trump, per indicare quelle che fino a poco tempo fa chiamavamo bufale. O balle. Insomma, notizie imprecise o sbagliate utilizzate per un fine politico ben preciso. Ma da due anni a questa parte l’espressione “fake news” è stata utilizzata anche da una certa stampa – che potremmo sbrigativamente definire di sinistra – per bollare l’operato di altri colleghi che – sempre sbrigativamente – potremmo definire di destra. Prendiamo per esempio l’ultimo caso, quello delle parole pronunciate da Carola Rackete, la “capitana” di Sea Watch 3, alla tv tedesca Zdf.


La “bomba”, in Italia, viene sganciata il 7 agosto da Tpi, che non può esser certamente esser accusato di esser un giornale sovranista, che riporta le parole della “capitana”: “Il ministro dell’Interno tedesco (Horst Seehofer) insistette perché i migranti venissero registrati in Italia. Ciò vuol dire che una soluzione ci sarebbe potuta essere“. L’articolo è firmato da Madi Ferrucci, giovane giornalista con una grande esperienza che ha vinto il Premio Morrione grazie a un’inchiesta sulla fabbrica di armi Rwm in Sardegna e che collabora (tra gli altri) con Il Fatto Quotidiano e Report.

La notizia viene poi ripresa da La Verità e da ilGiornale.it con un articolo intitolato Carola Rackete: “Il governo tedesco mi ordinò di portare i migranti in Italia”. Le fonti di partenza sono quelle già citate: il quotidiano diretto da Maurizio Belpietro e Tpi. Ma queste ovviamente non sono sufficienti. La domanda che la redazione si pone è: siamo sicuri che la “capitana” abbia detto proprio questo? Vengono così contattate diverse persone, tra cui un madrelingua che non lascia spazio a dubbi: “Confermo – ci scrive su WhatsApp – Ha detto questo. Giusto quello che scrive Tpi“. Ed è a questo punto che l’articolo inzia a prendere forma.

Non c’è nessuna nuova bufala su Carola Rackete

Ma non basta. Si scaldano i giornali di sinistra, pronti a calare il jolly delle fake news. InizaButac il sito diretto Michelangelo Coltelli e fino a qualche anno fa sponsorizzato da Laura Boldrini – che ci accusa di fare “pseudogiornalismo” ma non fornisce alcuna traduzione alternativa. Solo un riassunto fornito da una sua lettrice: “Lei spiega che già prima della sua decisione in extremis, la Germania aveva già accettato di accogliere i rifugiati. In particolare la città di Rothenburg (minuto 5:24) era pronta a far partire un bus per andarli a prendere in Sicilia. Subito dopo dice che sarebbe dovuto arrivare il benestare del governo tedesco, che c’è stato, e che l’unica richiesta del governo tedesco a quello italiano sarebbe stato di registrare i migranti in Italia”.

È poi la volta de Il Post che titola: C’è un’altra bufala su Carola Rackete. Nell’articolo si sostiene che l’articolo di Tpi sarebbe stato distorto da ilGiornale.it La Verità, “due quotidiani di destra che sull’immigrazione diffondono spesso notizie false o imprecise, evidentemente senza verificare cosa avesse detto davvero Rackete“. E non basta aver fatto le verifiche del caso. In quanto quotidiano di destra, su un tema come questo – per Il Postovviamente – noi non faremmo verifiche. Eppure le verifiche le abbiamo fatte eccome.

Ma non solo. È poi il turno di Open, il quotidiano diretto da Enrico Mentana, che accusa ilGiornale.it di aver creato ad hoc una bufala sui presunti “ordini” del governo tedesco alla Rackete. Ma, con buona pace di OpenTpi ha pubblicato un articolo in cui viene tradotta letteralmente la frase “incriminata”: “Sì esatto, e disse anche di voler mandare un bus finanziato con soldi raccolti da Seebruecke (Seebruecke è un movimento per la solidarietà internazionale che porta avanti azioni di questo tipo, ndr). Ma questo avrebbe dovuto essere permesso. E qui di nuovo il ministro dell’Interno ha insistito/voluto (“darauf bestanden hat”) perché/che i migranti fossero registrati in Italia. Una soluzione era possibile quindi fin dal primo giorno“.

Spiega a tal proposito Tpi: “‘Bestehen auf’ è un’espressione che contiene il verbo ‘bestehen’ ed ha un significato forte in tedesco: non è un consiglio ma un’espressione di forte volontà. Questo verbo è utilizzato, ad esempio, in espressioni traducibili come: ‘Voglio che tu mi dica la verità’ (‘Ich bestehe darauf, dass du die Wahrheit sagst’), tanto che in queste espressioni si utilizza come sinonimo del verbo ‘pretendere’ o ‘verlangen’: ‘Pretendo che tu mi dica la verità’ (Ich verlange, dass du die Wahrheit sagst)“.

Possiamo invece discutere, ma è davvero una questione di lana caprina, sul termine “portare”. Carola dice che il governo le ordinò di “registrare” i migranti nel nostro Paese e, ovviamente, per compiere questa azione era necessario condurli a Lampedusa, come poi è successo.

Ci troviamo quindi di fronte a un ordine bello e buono da parte del governo tedesco. Con buona pace degli sbufalatori e dei loro santi laici.

Leggi la notizia su Il Giornale

Segui le nostre rassegne su Facebook e su Twitter- ©RASSEGNEITALIA