Il 58% dei francesi approva la lettera dei generali contro l’islam radicale. Il 49% vuole l’esercito per ristabilire l’ordine







di – I francesi si rendono ben conto della minaccia costituita dal radicalismo musulmano e dal disordine diffuso nelle Banlieu delle grandi città e lo dicono in un sondaggio della televisione LCI dai risultati sconvolgenti, nel quale esprimono il loro appoggio alla “Lettera dei 20 generali“, che potete leggere qui e pubblicato sulla rivista “Valeurs Actualles“.

Fra gli interpellati:

  • il 73% concorda con la valutazione che la Francia si sta disintegrando;
  • 84% concorda con l’aumento della violenza nella società francese;
  • il 58% sostiene le parole dei soldati
  • il 49% afferma che l’esercito dovrebbe intervenire per ristabilire l’ordine pubblico anche senza richieste da parte del governo
  • solo un terzo degli intervistati ritiene che i militari dovrebbero essere puniti.

 

Sebbene il primo ministro Jean Castex abbia condannato la lettera   e che i firmatari siano ora soggetti a sanzioni disciplinari, il sondaggio TV di LCI condotto da Harris Interactive suggerisce che i francesi sono con i 20 generali in pensione. Fuori dalla “Bolla sicura” che circonda l’Eliseo e i quartieri dorati del’alta burocrazia e politica francesi. Nella lettera i generali dicevano che:

 pericoli aumentano, la violenza aumenta di giorno in giorno. Chi avrebbe previsto dieci anni fa che un giorno un professore sarebbe stato decapitato quando avrebbe lasciato il college? Tuttavia, noi, servitori della nazione, che siamo sempre stati pronti a mettere la nostra vita  a suggello del nostro impegno – come richiedeva il nostro stato militare, non possiamo essere spettatori passivi di fronte a tali azioni.

È quindi imperativo che chi gestisce il nostro Paese trovi il coraggio di debellare questi pericoli. Per fare ciò, spesso è sufficiente applicare le leggi esistenti senza debolezze. Ricorda che, come noi, la grande maggioranza dei nostri concittadini è sopraffatta dai tuoi silenzi incerti e colpevoli

leggi la notizia su Scenari Economici


Segui le nostre rassegne su TELEGRAM e su TWITTER