I media di regime censurano l’articolo che parla dei danni delle mascherine sui bambini: siamo carne da macello


Da ByoBlu – Forbes ha rimosso dal suo sito un articolo che parlava dei danni psicologici delle mascherine sui bambini, dopo che è stato condiviso su Twitter e ha ottenuto ampio seguito. Le idee espresse nell’articolo contraddicono gli organismi di sanità pubblica e i suggerimenti delle istituzioni sull’importanza dell’indossare la mascherina.

L’articolo, che scoraggiava l’uso della mascherina per i bambini, è diventato virale dopo essere stato condiviso dall’utente di Twitter NYC Angry Mom (Mamma newyorkese arrabbiata, NdT). Il post invitava gli utenti a leggere l’articolo, aggiungendo: “Non ho parole. Qualcuno capisce finalmente che le mascherine ai bambini non fanno bene“.

Il tweet è stato condiviso più di 400 volte.

L’articolo cancellato è stato scritto da Zak Ringelstein, titolare di un dottorato di ricerca in scienze dell’istruzione presso la Columbia University e fondatore di Zigadoo, un’app educativa e di sviluppo per bambini.

Ringelstein apre l’articolo descrivendo la sua carriera trascorsa nel segno della lotta per la rimozione dei test standardizzati a causa “del caos che hanno provocato sulla salute mentale e sul benessere degli scolari americani, in particolare i bambini provenienti da famiglie a basso reddito“.

Il professore spiega che la campagna per rimuovere i test standardizzati stava proseguendo bene fino a quando la pandemia non ha colpito “le coste americane e, dalla notte al giorno, ha trasformato il sistema di istruzione pubblica americano in qualcosa di irriconoscibile: un sistema di restrizioni e obblighi molto più repressivo di quanto non siano mai stati i test standardizzati“.

Ha aggiunto: “Gli studenti nella maggior parte delle classi americane devono indossare una mascherina sul viso e stare distanziati dai loro coetanei per l’intera giornata scolastica. In molte scuole gli studenti sono costretti a giocare da soli durante la ricreazione. Anche per i più piccoli, i banchi vengono disposti in fila. In questo modo i bambini non possono vedere i sorrisi degli altri o apprendere abilità sociali e verbali di fondamentale importanza“.
In qualità di esperto di istruzione primaria, con esperienza nell’istruzione su bambini con dei traumi, Ringelstein ha descritto il commento del tweet come “eccessivamente semplicistico e fuorviante“.

Ha suggerito di sostituire il commento con una’altra frase, ovvero che “le mascherine e il distanziamento sociale inducono traumi. E traumi in giovane età sono pericolosi dal punto di vista dello sviluppo, specialmente per i bambini che stanno vivendo difficoltà in altri ambiti della loro vita“.

Dobbiamo chiederci: i benefici delle mascherine e del distanziamento sociale sono davvero superiori al danno psicologico, fisico, sociale e scolastico a lungo termine che stiamo infliggendo a un’intera generazione di scolari americani? Se abbiamo a cuore l’equità e i membri più vulnerabili della nostra società, quanto meno non dovremmo aver paura di chiedercelo”.

Forbes non ha ancora espresso commenti in merito alla rimozione dell’articolo.

Traduzione dell’articolo originale: Forbes deletes article alleging psychological trauma in mask-wearing for kids

Leggi la notizia su ByoBlu