“I curdi saranno consegnati al dittatore Erdogan?”: alla domanda scomoda Draghi pianta la giornalista e se ne va (Video)


Da Libero Quotidiano – Un Mario Draghi imbarazzatissimo quello al vertice della Nato a Madrid. Qui una giornalista ha inchiodato il premier con una domanda scomodissima: “L’ingresso di Svezia e Finlandia nella Nato vale la consegna dei curdi che ci hanno aiutato a combattere l’Isis al ‘dittatore’ Erdogan come lei stesso lo ha chiamato?”. E Draghi è stato silenzioso, l’ha salutata e se n’è andato. Poi però è tornato dicendole: “No, però questo qua è un punto molto importante, faccia questa domanda alla Svezia e alla Finlandia grazie” e se n’è andato ancora.

Il riferimento della giornalista è alla promessa della Nato affinché la Turchia togliesse il veto all’ingresso di Finlandia e Svezia. In cambio cosa hanno concesso a Recep Tayyip Erdogan? L’abbandono da parte di Svezia e Finlandia al sostegno, in ogni sua forma, del popolo curdo e la fine dell’embargo sulle armi. In concreto la Turchia chiede l’estradizione di chiunque ritenga un terrorista. Svezia e Finlandia, definite da Ergodan “pensioni per curdi”, ospitano migliaia di rifugiati curdi.

“Questo è un tradimento del governo svedese, dei Paesi della Nato e di Stoltenberg che ingannano un intero gruppo che ha liberato sé stesso e il mondo intero da Daesh. Soprattutto quando si tratta della lotta delle donne, che la Svezia afferma di sostenere”, ha subito tuonato Amineh Kakabaveh deputato curdo nel parlamento svedese.

Leggi la notizia su Libero Quotidiano