Gli italiani dicono NO al vaccino per i bambini: sondaggio Ghisleri gela il regime Draghi-Speranza





Da Il Tempo – Lockdown per i no-vax sì, vaccino per i bambini no. In un articolo a firma di Alessandra Ghisleri, nota sondaggista, su La Stampa emerge un’Italia non favorevole alle inoculazioni per la fascia che va dai 5 agli 11 anni.

“Più delicata appare la vicenda legata al vaccino ai minori tra i 5 e gli 11 anni. Qui tra i vaccinati uno su due si dichiara favorevole, mentre su tutta la popolazione si registra il 44,3% di favorevoli” i numeri che snocciola dopo il sondaggio effettuato negli ultimi giorni. Anche tra i vaccinati – ormai in Italia si è arrivati a 88% della popolazione vaccinabile che ha ricevuto almeno una dose del prodotto contro il Covid – c’è quindi un’ampia spaccatura sul tema.

Opinioni più dure e compatte sull’eventuale mano dura sui non vaccinati: tra coloro che sono stati vaccinati il 76,7% è favorevole oggi ad un lockdown esclusivo per i no-vax.

Inoltre il 51,1% degli italiani vaccinati è favorevole a vietare le manifestazioni no-vax e no-green pass, mentre il 29,3% preferirebbe che si svolgessero in precise aree delle città evitando il caos nei centri storici. L’83,2% tra gli italiani maggiorenni, cifra che sale al 92% tra i soli vaccinati, ritiene che le manifestazioni in piazza causino un aumento dei contagi Covid.

I numeri sul vaccino ai bambini sono abbastanza eloquenti: bisogna ricordare che i minorenni per ricevere la loro iniezione hanno bisogno del consenso dei genitori. Non solo gli italiani, ma anche gli scienziati si sono spaccati sull’opportunità di inoculare la fascia 5-11 anni, con molti che si sono detti contrari, tra cui Francesco Vaia dello Spallanzani.

Leggi la notizia su Il Tempo