Follia in Svezia, studente obbligato a togliere il crocifisso per la foto di classe. “E’ offensivo”. (Ma il velo va bene)


Di Cristina Gauri – Roma, 14 ott – Gli chiedono di togliere la catenina con la croce durante la posa per la foto di classe, mentre ad altri studenti viene concesso di tenere simboli religiosi non cristiani. E’ successo in un liceo nella civile e inclusiva Svezia, come ha riferito il quotidiano cristiano norvegese Dagen.

I fatti

«Indossavo un maglione viola con un colletto, la mia croce era appesa all’esterno. Avevo una catenina piuttosto lunga e una croce di metallo con sopra Gesù», ha spiegato il ragazzo alla testata giornalistica. Il protagonista della vicenda, che ha voluto rimanere anonimo, ha raccontato che la fotografa le aveva chiesto di togliere il crocifisso sostenendo che sarebbe risultato offensivo per gli studenti di altre confessioni religiose. Pur rimanendo sconcertato dalla richiesta, il 15enne aveva obbedito riponendo in tasca la croce. «Non sono il tipo a cui piace litigare – racconta – Le ho solo lanciato uno sguardo significativo, in modo che lei capisse che pensavo fosse strano». Strano, sì, e decisamente poco imparziale: «So che chi porta il velo non doveva toglierselo. Naturalmente, non desidero che ciò accada. Ma se io vengo costretto a togliermi la croce, allora lo stesso dovrebbe valere per tutti gli altri simboli religiosi», chiosa il ragazzo, che assieme alla famiglia è fedele praticante nella Chiesa di Svezia. «Tutti in classe sanno che sono cristiano, e lo accettano senza problemi». L’unica ad offendersi, quindi, era stata proprio la fotografa.

Libertà religiosa per chi?

Lo spiacevole fatto è stato segnalato al Difensore civico per la discriminazione (DO) e al Difensore civico dei bambini e degli alunni (BEO). «Può sembrare una sciocchezza. Ma alla fine questi episodi ci fanno riflettere su che tipo di società vogliamo e quanto valga la nostra libertà religiosa. Un episodio come questo diventa serio e una questione di principio», ha puntualizzato il padre del ragazzo. «Non si tratta di nutrire rancore verso la scuola, ma è importante reagire all’intolleranza che esiste nei confronti dei bambini e dei giovani cristiani». Cosa sarebbe successo se uno dei fotografi avesse chiesto a una ragazza musulmana di togliere il velo o a un giovane ebreo di nascondere la stella di David? «Sarebbe stato considerato un terribile abuso. Ma quando il soggetto del discorso è un simbolo cristiano, di colpo non sembra più così grave», accusa il padre. Il preside della scuola si è dissociato dall’episodio e ha ammesso l’errore della fotografa.

Cristina Gauri

Leggi la notizia su Il Primato Nazionale

Segui le nostre rassegne su Facebook e su Twitter