Due pakistani condannati all’ergastolo per omicidio vengono in Italia e chiedono asilo politico


Di Cristina Gauri – Roma, 10 giu — Nonostante alla sinistra piaccia molto pensare a una libertà di immigrare totalmente priva di controlli, assai spesso si scopre a cosa servano i controlli: ultimo esempio in ordine di tempo ci arriva dalla Questura di Brescia, con protagonisti due fratelli, cittadini pakistani. I due, che nei mesi precedenti avevano presentato domanda di asilo politico, sono stati tratti in arresto perché soggetti a un mandato di cattura internazionale emesso dal giudice distrettuale e di sessione di Gujrat — in Pakistan appunto — in seguito a una condanna all’ergastolo per omicidio. Lo riporta il Corriere.

I due pakistani chiedevano asilo politico ma erano condannati all’ergastolo

Ad aggiungere sfumature inquietanti al già grave episodio, le motivazioni legate alla vicenda giudiziaria e alla condanna. I due pakistani, infatti, si sono resi protagonisti dell’assassinio nel contesto di una faida familiare nel piccolo villaggio di Dhori, situato nel distretto di Gujrat. Qui i due, assieme ad alcuni complici e probabilmente istigati da altri familiari, hanno ucciso a colpi d’arma da fuoco un rivale della famiglia. Per questo la polizia italiana li ha tratti in arresto l’otto giugno ed ora si trovano in carcere, a Brescia.

Il silenzio della sinistra 

Un caso spinoso, anche questo, come quello della povera Saman Abbas, frutto di una cultura radicalmente diversa dalla nostra, dove il patriarcato — quello vero e non quello immaginifico stigmatizzato dalle femministe occidentali — e la cultura tribale la fanno ancora oggi da padroni. I progressisti, votati alla accoglienza totale, rimangono anche in questo caso in silenzio, senza aver commenti da fare e senza nulla da dire. Non è questione di scontro tra civiltà, ma di semplice logica.

Mentre i profeti dell’accoglienza indiscriminata e senza remore cantano le lodi delle folle migranti, immaginando una integrazione immediata e priva di spine, la loro narrazione cade miseramente davanti al peso della realtà. Una realtà che ci dice, spesso, che a non volersi integrare e a voler al contrario rimanere «fedeli» a un modo di vivere difficilmente compatibile con il nostro, sono proprio molti immigrati.

Cristina Gauri

leggi la notizia su Il Primato Nazionale


Segui le nostre rassegne su TELEGRAM e su TWITTER