Draghi al Meeting di Rimini non ha parlato dei 3 milioni di giovani a rischio povertà e dei nuovi poveri



Da Il Primato Nazionale – Roma, 24 ago – In Italia il tasso di rischio povertà ha superato il 20% nel 2021 coinvolgendo quasi 12 milioni di persone, la percentuale delle persone che hanno un reddito inferiore al 60% di quello medio disponibile sale al 25,2%, pari a 14,83 milioni di persone, se si sommano anche le persone a rischio di esclusione sociale, ovvero quelle che sono a rischio di povertà o non possono permettersi una serie di beni materiali o attività sociali o vivono in famiglie a bassa intensità lavorativa.

I dati che emergono dalle tabelle Eurostat evidenziano uno scenario di crisi sempre più pervasiva e capillare per le famiglie italiane, le quali si trovano a dover affrontare problematiche sempre maggiori.

Sempre più minori in condizione di povertà

Un ulteriore dato mostra come oltre un quarto dei bambini italiani con meno di sei anni viva in famiglie a rischio povertà. Sempre secondo Eurostat il tasso nel 2021 è al 26,7%, in aumento dal 23,8% del 2020 e il peggiore dal 1995, coinvolgendo circa 667mila bambini, allargando la platea anche alle famiglie a rischio di esclusione sociale, la percentuale per gli under 6 in situazione di difficoltà acquista ancora maggior peso rispetto al 2020.

Per i bambini sotto i sei anni il tasso di rischio povertà ed esclusione passa dal 27% al 31,6%, in pratica nello scorso anno quasi 800mila bambini di età prescolare e, complessivamente, circa 3 milioni di minori erano in famiglie con un reddito inferiore al 60% di quello medio o in nuclei con gravi privazioni materiali e sociali o con un’intensità lavorativa molto bassa.

Non è un paese per giovani

L’Italia si dimostra non essere un paese per giovani, una nazione sempre più vecchia al primo posto nell’elenco dei paesi con la più alta età media in Europa che lascia milioni di minori in condizioni di gravi difficoltà. Mentre la politica si occupa di comparire in televisione per racimolare più voti possibili, gli italiani sono sempre più disillusi e sull’orlo del baratro.

Andrea Grieco

Leggi la notizia su Il Primato Nazionale