Delirio del ministro Bonetti: “Le famiglie devono sospendere colf, badanti e baby-sitter senza Green Pass”


Di  Adolfo Spezzaferro – Roma, 20 set – “La colf senza green pass va sospesa, la famiglia deve comportarsi come qualsiasi altro datore di lavoro“: parola del ministro per le Pari opportunità e la famiglia Elena Bonetti.

Insomma, il padrone di casa deve mettere in pratica il decreto sull’obbligo del green pass per tutti i lavoratori e controllare chi è in regola. Una misura che crea non pochi problemi, ai lavoratori autonomi e anche alle famiglie, visto che non sempre colf, badanti e baby-sitter sono in regola. Ma la linea del governo è questa, come ribadisce la Bonetti: “Ogni datore di lavoro deve controllare la certificazione verde”.

Bonetti: “Famiglia è datore di lavoro, deve controllare i green pass di colf, badanti e baby-sitter”

“La famiglia dovrà comportarsi come qualsiasi altro datore di lavoro. Entro il 15 ottobre ha l’obbligo di farsi carico di verificare che la persona che lavora in casa sia dotata di green pass“, dice la Bonetti in una intervista al Messaggero. “Si tratta di una misura di protezione e di tutela nei confronti dei familiari e degli stessi lavoratori – sottolinea il ministro -.

Usciranno a riguardo delle linee guida, ma è chiaro che in casa valgono le stesse regole degli altri luoghi di lavoro. Nel caso ci sia un rifiuto di ottemperare all’obbligo del green pass, la famiglia ha lo strumento per poter sospendere il collaboratore domestico, la badante o la baby-sitter, come è previsto per tutti gli altri lavoratori“.

Continua a leggere su Il Primato Nazionale