Cristianofobia, Cgil e PD come i terroristi dell’Isis: “Via la Natività dall’ospedale, è un invito a non abortire”


Da Il Gazzettino – VENEZIA – Quell’icona con la sacra famiglia, con Gesù bambino, la Madonna e San Giuseppe, portata dentro il reparto di Ostetricia Ginecologia dell’ospedale Civile di Venezia, proprio non va giù alla Cgil né ad alcuni esponenti del Partito Democratico locale e regionale, secondo cui può essere velatamente interpretata come un suggerimento alle donne a soprassedere da qualsiasi intenzione di aborto.

E così scoppia la polemica attorno all’immagine religiosa che in tempo di Natale è stata portata in processione da alcuni sanitari in servizio per essere collocata al centro del presepe, per poi essere mantenuta in corsia, protetta da un cordone rosso di sicurezza. A sollevare la questione è il neo segretario generale provinciale della Cgil Daniele Giordano, seguito a ruota dalla capogruppo dem in consiglio comunale Monica Sambo che ha diffuso una nota firmata anche dal consigliere regionale Jonatan Montanariello.

L’Ulss 3 Serenissima, dal canto suo, non commenta. «Pare che l’installazione si trovi proprio nei pressi delle stanze dove avvengono i colloqui per valutare le interruzioni di gravidanza», premette Giordano che sferra l’attacco: «Il conforto che le donne devono trovare in un momento così particolare e delicato come quello del parto, o di una scelta complessa e spesso dolorosa come quelle dell’interruzione di gravidanza, non devono in alcun modo essere accostati a un credo religioso che potrebbero mascherare comportamenti da “stato etico” che non possono trovare in alcun modo cittadinanza a Venezia». Quindi Giordano rilancia: «Invece di fare le processioni si devono potenziare i consultori.

Oggi una donna al Civile deve aspettare mesi per una visita ginecologica, per non parlare del fatto che non si sa nemmeno come vengono garantiti i tempi ad esempio delle morfologiche. Le donne che scelgono di interrompere una gravidanza quasi mai trovano una presa in carico adeguata e devono sempre più spesso affrontare un percorso difficile nel riuscire a veder loro garantita questa scelta.

L’Ulss 3 Serenissima farebbe molto bene a impegnarsi a garantire servizi, a garantire che i medici obiettori non compromettano il servizio, a garantire una presa in carico adeguata delle donne e dei bambini e a non fare inutili operazioni dal gusto reazionario». Giordano conclude dicendo che «come Cgil non siamo certo contrari ai simboli religiosi o alla celebrazione delle festività natalizie, ma sono altri i luoghi diversi dall’ospedale in cui questo deve avvenire sempre nel rispetto delle donne e della loro sensibilità».

LE REAZIONI

Pronto il sostegno di Sambo e Montanariello. «Come Pd chiediamo che si rimuovano immediatamente tutte le rappresentazioni religiose che vanno contro la sensibilità delle donne e il rispetto dei loro diritti – scrivono in una nota –. Il compito dell’Ulss è di garantire alle donne il loro diritto a una libera scelta, in tempi adeguati, rimuovendo tutti i vincoli e le difficoltà che oggi ci sono.

In Veneto il diritto all’interruzione di gravidanza è sempre più messo in discussione dalla diffusione dei medici obiettori e dalle tante difficoltà, anche burocratiche, che le donne trovano nel fare questa scelta.

Sono decine le segnalazioni sui tempi lunghissimi di attesa per le visite ginecologicheostetriche o per altri esami, e sono moltissime le donne costrette a rivolgersi al privato per essere adeguatamente seguite. Si evitino le strumentalizzazioni e si garantisca il rispetto delle donne e dei loro diritti». Interpellata sulla vicenda, l’Ulss 3 Serenissima preferisce non commentare.

Leggi la notizia su Il Gazzettino