Crema, 30enne marocchino tenta di adescare una 12enne: torna subito libero con il foglio di via


Il Commissariato della Polizia di Stato di Crema ha indagato in stato di libertà un cittadino marocchino di 30 anni residente a Castelleone, in regola con il permesso di soggiorno, perché resosi responsabile del reato di adescamento di minorenne. Il fatto è accaduto alcuni giorni or sono in una via centrale di Crema quando una ragazzina di 12 anni, che si trovava in compagnia di suoi coetanei, è stata dapprima avvicina da uno sconosciuto che successivamente, attraverso un approccio verbale, cercava con lusinghe di adescarla carpendone la fiducia per aver un rapporto sessuale. La minore si è allontanata con i suoi amici, ma è stata seguita con insistenza dall’uomo. La 12enne, allramata, ha quindi contatto il 112 NUE. Una volante del Commissariato si è pertanto portata sul posto e grazie alle precise descrizioni fornite dalla ragazzina ha intercettato l’autore delle molestie poco distante dal luogo teatro dei fatti. Il 30enne, sottoposto a controllo, è stato trovato in possesso di pochi grammi di sostanza stupefacente. La minorenne, ancora agitata ed impaurita per l’accaduto, è stata affidata alla madre mentre. L’attività d’indagine ha permesso di acquisire solidi elementi di reità nei confronti dell’extracomunitario che è stato indagato per adescamento di minore, segnalato alla Prefettura e allontanato dal territorio cremasco con provvedimento di Foglio di Via obbligatorio.

Leggi la notizia su Cremona Oggi

Segui le nostre rassegne su Facebook e su Twitter