Così Mimmo Lucano si vantava mentre calpestava la legge: “Sono un fuorilegge. La legalità ce l’ho sulle palle”




 – Matrimoni falsi in cambio di voti. Era capace anche di questo Mimmo Lucano, l’ex sindaco di Riace rinviato a giudizio nel processo “Xenia”. Secondo l’accusa Lucano avrebbe organizzato finti matrimoni per permettere ad alcuni immigrati irregolari di rimanere in Italia. È per questo che deve rispondere, tra le altre accuse, di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. Era stato lui stesso ad ammetterlo: “Io sono un fuorilegge… proprio per disattendere queste leggi balorde vado contro la legge… la legge sull’immigrazione è una legge che presenta tantissime lacune e tante interpretazioni… Uno può cercare quelle più restrittive se la sua indole … e può cercare quelle più elastiche se tu condividi, se non sei d’accordo con quella legge, c’è un livello di interpretazione”.


Un sindaco “fuorilegge” che voleva rimanere al comando. Dominare su Riace e i riacesi. Ad ogni costo. Ogni singolo voto era prezioso e, “Mimì U’Curdu”, era pronto a tutto, anche ad organizzare matrimoni fasulli come lui stesso racconta ad alcune ragazze in visita a Riace

È il 9 settembre del 2017 quando “Mimì” confida: “Questo qua si chiama Giosi, mi ha chiamato la sorella, non è tanto … poverino, anzi devo dire la verità ha votato per me …mi sono barattato … l’unica cosa … mi ha detto così io ti voglio votare però mi devi trovare una fidanzata … te la trovo, mi impegno per trovartela!…” Così Mimmo Lucano prometteva a Giosi, un uomo con un ritardo mentale, scrivono gli investigatori, di trovargli una ragazza.

Trent’anni, bella presenza e di colore. La donna di origine nigeriana non aveva più diritto di stare in Italia ma, grazie a Lucano, il sindaco eroe, poteva dormire sonni tranquilli. Nessuno l’avrebbe mai cacciata da Riace. D’altronde era lui che comandava. Lui, al disopra della legge. Fuori legge. “…questa ragazza nigeriana è stata diniegata tre volte, per cui con il nuovo decreto “Minniti” deve andare via … praticamente è stata diniegata, l’unica possibilità per rimanere era quella di sposarsi con un cittadino…” confessa Lucano, che aggiunge: “ora questa ragazza… siccome abbiamo fatto altre cose così a Riace per ottenere i documenti… io la carta d’identità gliela faccio subito, – si vantava Mimmo Lucano – siccome sono responsabile come sindaco di oltre tremila abitanti, anche dell’unità amministrativa, di quell’ufficio sono responsabile io, ufficio anagrafe e stato civile e quando mi dicono che devono andare per il sopralluogo i vigili, non c’è bisogno, li conosco io, sopralluoghi non esistono a Riace, ne rispondo io, ne rispondo io direttamente, il permesso di soggiorno è provvisorio, facciamo tutto, non c’è il problema che scade… Io le detesto queste cose e una volta che sono responsabile… finché mi dura mi diverto ad aggredire queste stupidaggini, anzi vorrei andare oltre”

Mimmo Lucano si “divertiva” a non rispettare la legge, a calpestarla. Ad andare controcorrente. Ne andava fiero. Talmente fiero che non ha avuto problemi ad ammetterlo pubblicamente. Ma non era la prima volta che Lucano organizzava matrimoni. In una intercettazione del 6 luglio del 2017, “Mimì” “propone ad una ragazza straniera di nome Joy di sposarsi con un cittadino italiano di Riace” per ottenere il permesso di soggiorno. “Tu sai cosa dovresti fare?… – suggerisce Lucano – Come ha fatto Stella, Stella si è sposata … Stella si è sposata perché è stata diniegata due volte, si è sposata con Nazareno, così, però lei adesso ha il permesso di soggiorno per cittadino italiano, per motivi di famiglia, hai capito? … omissis … sul municipio, l’ho sposata io, ta-ta-ta veloce … veloce … veloce, con Nazareno, non è vero che è sposata con Nazareno, capito? … Però con i documenti risulta così, sul comune di Riace, quando lei con il certificato di matrimonio…omissis…”.

Era così che si comportava Mimmo Lucano, il sindaco eroe simbolo della sinistra. Giustificato e celebrato. Un sindaco che diceva “questa parola qua, legalità ce l’ho sulle palle”.

Leggi la notizia su Il Giornale

Segui le nostre rassegne su Facebook e su Twitter- ©RASSEGNEITALIA