Con dem e grillini riprende l’invasione dell’Italia. Il PD non perde tempo: “Conte apra i porti a Open Arms”




Ma in queste ore vanno colti altri segnali che svelano già quale possa essere il quadro che ci attende con un esecutivo giallo-rosso. Zingaretti tira già per la giacca Conte chiedendo lo sbarco dei migranti dalla Open Arms: “Esistono priorità che hanno precedenza su tutto. Che vengono prima dei riflettori sempre accesi su questa o quella polemica. Da dodici giorni 151 persone sono tenute in ostaggio sul ponte della Open Arms. Tra loro donne e minori in condizioni igienico-sanitarie sempre più difficili. Tutto perchè l’ennesimo braccio di ferro ingaggiato dal ministro sfiduciato e dimissionario Salvini ha bisogno del suo ennesimo palcoscenico. Faccio appello al presidente Conte affinchè agisca con decisione e alla ministra Trenta per uno sbocco immediato di una soluzione divenuta insostenibile“.


Una richiesta chiara: Conte ignori Salvini e decida lo sbarco dei migranti insieme alla Trenta. E dunque si delinea già un fronte pro sbarchi che potrebbe trovare “accoglienza” proprio tra i banchi del governo con un patto tra Pd, M5s e Leu. Salvini ha già messo in guardia i suoi elettori: “Spero che per salvare la poltrona i 5 Stelle non facciano un governo con Renzi perché torneremmo ai 500mila sbarchi che il Pd ‘regalò’ agli Italiani negli anni passati“. Ma a quanto pare i dem si stanno già organizzando per invertire la rotta sulle politiche per la gestione dei flussi migratori. Intanto la Spagna non ha alcuna intenzione di aprire i suoi portialla Open Arms respingendo anche la richiesta di uno sbarco per i 31 minori a bordo della nave. Insomma il problema ong per l’Europa è solo italiano. E i dem con i 5 Stelle sono pronti a farci tornare alle antiche abitudini con i porti aperti alle navi buoniste.

Leggi la notizia su Il Giornale

Segui le nostre rassegne su Facebook e su Twitter- ©RASSEGNEITALIA