Claudia Fusani sogna la “dittatura” Draghi: “La democrazia non è più efficace, serve altro” (Video)





Di Vittoria Fiore – Roma, 24 gen – Il sospetto c’era da tempo, e ormai non fanno che arrivare conferme: la democrazia non piace (più?) ai media mainstream. Ad ammetterlo con invidiabile candore è stata oggi Claudia Fusani, giornalista del Riformista.

Durante la puntata di Coffee Break, andata in onda stamattina su La7, l’ex penna di Repubblica è stata particolarmente chiara: «La democrazia è in crisi, non è più uno strumento sufficiente». Così, senza peli sulla lingua. Senza vergogna.


Pretoriana di Draghi

Ma inseriamo questa sorprendente dichiarazione nel suo contesto. L’argomento della discussione è, neanche a dirlo, l’elezione del presidente della Repubblica. Gaetano Pedullà, direttore della Notizia e anche lui in collegamento, formula alcune critiche all’indirizzo di Mario Draghi, che cova il sogno di insediarsi al Quirinale.

Claudia Fusani, però, non ci sta, e difende a spada tratta l’ex governatore della Bce, in particolare sul Pnrr. Detto questo, la giornalista si lascia andare a questa considerazione sulla politica italiana: «Io non la vedo così drammatica. Che siamo alla fine di un ciclo politico non c’è dubbio: il sistema dei partiti, di questi partiti, sta finendo, se ne dovrà formare un altro».

La democrazia secondo Claudia Fusani

Poi l’affondo: «C’è una crisi della democrazia, questo anche è vero». Ma non nel senso che tutti pensano: «In questo periodo ci sono stati moltissimi intellettuali che hanno scritto su questa situazione, cioè sul metodo di questa democrazia, di queste democrazie. Perché le sfide sono talmente tante, arrivano da talmente tanti fronti, che forse la democrazia in quanto tale non è più uno strumento sufficiente».

Qui la giornalista si ferma e cambia discorso, senza citare gli intellettuali da lei chiamati in causa, e senza specificare quale sarebbe lo strumento più adatto ad affrontare l’attuale crisi. Sia come sia, l’impressione è che la cura proposta da Claudia Fusani sia molto peggiore della malattia. Così, a naso.

Video

Leggi la notizia su Il Primato Nazionale