Clamoroso al porto di Trieste, le aziende protestano con i lavoratori: “Noi del Green pass ce ne freghiamo”





Da Libero Quotidiano – Situazione fuori controllo al Porto di Trieste, dove “diverse aziende starebbero violando la normativa sull’obbligo del possesso ed esibizione” del Green pass per lavorare. A rivelarlo è il Comitato dei lavoratori portuali di Trieste. Il porto da ieri, venerdì 15 ottobre giorno dell’entrata in vigore del Green pass obbligatorio sui posti di lavoro, è diventato l’epicentro della protesta No Green pass in tutta Italia.

Il sindacalista Stefano Ciccio Puzzer ha annunciato una serrata a oltranza, nella convinzione di convincere il governo ad abolire il Green pass considerato “discriminatorio” per i lavoratori. A nulla sono valse le promesse del presidente dell’Autorità portuale di Trieste, Zeno D’Agostino, di pagare i tamponi per consentire ai portuali no vax di continuare a lavorare e percepire lo stipendio.

La componente No Green pass ha tirato dritto, rifiutando l’offerta. Il primo giorno di proteste però è stato un mezzo flop: solo 150 operai hanno aderito, su 1.500 persone totali. Fortunatamente, nonostante la tensione palpabile, non c’è stato alcun incidente. Ora, la denuncia del Comitato con una nota, inviata a Prefettura, Questura, Azienda sanitaria locale, Autorità portuale e Ispettorato del lavoro: i lavoratori chiedono di verificare la fondatezza di quanto sostenuto, invitando eventualmente “ad applicare le misure previste dalle norme”.

Leggi la notizia su Libero Quotidiano