Calcio, il senegalese Gueye si ribella alla propaganda: non gioca pur di non indossare la maglia arcobaleno, linciato


Da Il Primato Nazionale – Roma, 17 mag — Si abbatte la bufera mediatica sul giocatore del Paris Saint-Germain Idrissa Gana Gueye. Il calciatore di origine senegalese è finito al centro di aspre polemiche per essersi rifiutato — così come era avvenuto l’anno scorso — di giocare contro il Montpellier per non dover indossare la maglia con il simbolo arcobaleno a sostegno dei diritti Lgbt.

L’episodio è stato portato alla luce dall’associazione per la lotta all’omofobia nello sport, Rosso Diretto. «L’omofobia non è un’opinione ma un reato. Lfp (lega calcio) e Psg devono chiedere a Gana Gueye di spiegarsi e molto rapidamente. E punirlo se necessario», si legge nel loro tweet.

Gueye contro la maglia arcobaleno

Gueye è stato l’unico giocatore, su 20 squadre coinvolte, a rifiutarsi di indossare il simbolo dell’orgoglio Lgbt nella 37/a giornata della Ligue 1, dichiarandosi assente non per motivi medici ma «per motivi personali», precisando di non essere infortunato. Non si tratta della prima volta: anche nella scorsa stagione, il calciatore 32enne non aveva giocato la partita del turno di campionato in cui tutte le squadre della Ligue 1 indossavano la maglia del Pride.

Contattato dall’Afp, il PSG ricorda di essere «totalmente coinvolto nella lotta all’omofobia e alla discriminazione, con Sportitude o SOS Racisme. I nostri giocatori hanno indossato con orgoglio questa maglia: le più grandi stelle, Messi, Neymar o Mbappé, esprimendo l’impegno del club». La Lega francese ha preferito non commentare ribadendo il proprio impegno nella lotta all’omofobia.

Ma il Senegal lo difende

Se in Europa Gueye è ora visto come un mostro, un nemico delle istanze arcobaleno e quindi dell’apparato valoriale dell’Occidente stesso, in Senegal la musica cambia radicalmente. Il calciatore e i colleghi sono letteralmente adorati dai tifosi del Paese.

Un sentimento salito alle stelle in seguito alla radicale presa di posizione anti-Lgbt di Gueye, che sui social è stato letteralmente sommerso di messaggi in suo sostegno. In Senegal il 95% della popolazione è musulmana praticante e l’omosessualità è ritenuta un crimine punibile con una pena detentiva da uno a cinque anni.

Stando a quanto riferito dal sito Voa Afrique, lo scrittore El Hamidou Kassé ha dichiarato su Twitter il suo sostegno a Gueye «in nome del principio del libero credo e del rispetto delle differenze». Si unisce al coro il movimento Y en a marre, denunciando «con vigore la demonizzazione di cui lui [Guèye] è vittima» in un comunicato, appellandosi al «ministero dello Sport e la Federcalcio senegalese, per fornire supporto ufficiale» al calciatore «in questi tempi difficili».

Cristina Gauri

Leggi la notizia su Il Primato Nazionale