Brescia, ladro tunisino colpito da infarto dopo la rapina: viene salvato dalla vittima che chiama l’ambulanza


Da Today – Aveva appena derubato un automobilista, quando è stramazzato al suolo a causa di un infarto. Il primo a prestare soccorso, incredibilmente, è stata proprio colui che aveva subito il furto. Un intervento rivelatosi poi decisivo, in quanto ha consentito di salvargli la vita. Il ladro è stato poi soccorso da altri passanti, tra cui un infermiere, e definitivamente rianimato grazie al defibrillatore semiautomatico in dotazione alla Polizia Locale di Brescia.

Prima il furto, poi l’infarto

L’inedito episodio si è verificato nella mattina di ieri, giovedì 10 giugno, in via Cefalonia, a Brescia, la strada in cui l’ignaro automobilista aveva parcheggiato la sua vettura per recarsi in banca. Nel frattempo però un 45enne di origini tunisine si è avvicinato per sgonfiare una gomma, e mettere in scena il suo piano criminoso. Che fino a un certo punto ha funzionato.

L’automobilista, vista la gomma a terra, si è rimboccato le maniche per cambiarla, lasciando incustoditi sui sedili borsello, portafoglio e cellulare. Il bandito ha colto l’attimo e si è portato via tutto. Ma dopo pochi passi si è sentito male e si è accasciato a terra. Probabilmente un infarto, che l’ha lasciato senza fiato e senza nemmeno la forza di chiedere aiuto.

Salvato dalla vittima e portato in ospedale

Ci ha pensato il derubato: come detto l’ha visto a terra, si è accorto che era il “suo” ladro notando borsello e altre proprietà, ma non ha esitato un attimo nel chiamare i soccorsi e assistere l’uomo colpito dal malore. Il resto è storia, a lieto fine: è stato rianimato con il defibrillatore della Polizia Locale, poi ancora da medici e infermieri intervenuti con automedica e ambulanza, (della Croce Bianca), infine trasferito e ricoverato d’urgenza (in codice rosso) alla Poliambulanza. E’ ancora in ospedale: sabato dovrà essere operato, ma il peggio è davvero passato.

Leggi la notizia su Today


Segui le nostre rassegne su TELEGRAM e su TWITTER