Borgonovo zittisce Scanzi: “L’Italia non ha sovranità, siamo gli scendiletto dell’America” (Video)



Di Elena Sempione – Roma, 30 apr – L’Occidente è il bene, tutto il resto è il male. È questa la favoletta della buonanotte che si raccontano gli atlantisti prima di andare a dormire. Ma le cose, purtroppo, stanno molto diversamente.

Lo ha fatto notare ieri Francesco Borgonovo ad Accordi&Disaccordi, programma in onda su Nove e condotto, tra gli altri, da Andrea Scanzi: «A me risulta che a far le guerre nel mondo siano stati perlopiù i democratici americani, con una grande tradizione che affonda nel simpatico Bill Clinton che lanciava bombe su Belgrado», entra a gamba tesa la penna della Verità.

Borgonovo spiega a Scanzi come stanno le cose

Mentre sul volto di Scanzi si disegna un’evidente smorfia, l’altro conduttore, Luca Sommi, invita Borgonovo a rimanere sulla politica italiana: «Sì, ma non possiamo parlare di politica italiana se non parliamo di quella americana», è l’obiezione del vicedirettore della Verità. Che poi spiega: «Noi siamo – e lo stiamo dimostrando – gli scendiletto di quei signori lì», cioè degli Stati Uniti e della loro classe dirigente democratica.

A tal proposito, Borgonovo torna sull’esperienza del governo gialloverde: «Se quella maggioranza aveva un pregio era proprio quello di tentare di uscire da questo discorso globalista di chiara marca statunitense ed europea. Non ce l’hanno fatta, ma è un bene che oggi Lega e M5S sostengano posizioni fuori dal coro».

Italia senza sovranità   

Poi il vicedirettore della Verità amplia il discorso: «È tragicamente vero che in questo momento il Parlamento non conta più nulla, anche perché le decisioni non le prendiamo noi». Infatti, spiega Borgonovo, «il fatto di non avere una sovranità implica che siamo soggetti a decisioni che vengono prese a Washington o altrove nell’Unione europea. Noi non è che adesso possiamo dire “ci smarchiamo”, cioè gli altri mandano le armi [all’Ucraina] e noi no. Queste cose, in teoria, le dovrebbe decidere il Parlamento, ma al solito si fanno le cose sulla testa dei cittadini». E qui persino Scanzi annuisce alle parole di Borgonovo.

Il video

Elena Sempione

Leggi la notizia su Il Primato Nazionale