Bologna, papà marocchino toglie il figlio dall’asilo: “In classe sono tutti stranieri. Questa non è integrazione”


 – Sostiene che nella scuola materna del figlio ci sia “un grave problema di integrazione”: troppi piccoli stranieri. Da lì la scelta di portarlo via. A deciderlo è stato un padre di 34 anni, di origini marocchina, laureato e impiegato a Bologna, arrivato in Italia all’età di quattro anni. Secondo quanto riportato dal Corriere della sera, l’uomo ha la cittadinanza italiana, esattamente come la moglie, nata in Italia da due genitori arrivati nel capoluogo emiliano nel 1967.

“Così non si fa integrazione”

Non voglio passare per razzista proprio io che sono marocchino, ma il Comune lo deve sapere che non si fa integrazione mettendo nelle classi più di 20 bambini stranieri“, ha detto l’uomo. Il 34enne, che ha sempre voluto mantenere vive le sue origini ed è musulmano praticante, ha raccontato come è avvenuta la scelta della struttura dove inserire il figlio: “Al momento dell’iscrizione abbiamo indicato le quattro scelte richieste dal Comune: nelle prime tre scuole che avremmo preferito non c’era posto, ci hanno inseriti nella quarta“. Il piccolo è, quindi, stato iscritto in una scuola dell’infanzia del San Donato-San Vitale, fuori Massarenti.

Il caso

Il giorno dell’open day, il genitore aveva avuto la percezione che si lavorasse molto sull’integrazione: “Avevo visto disegni con le bandiere di tutte le nazionalità nella scuola, ma quando siamo arrivati a scuola il primo giorno ci siamo trovati in una classe con tutti i bambini stranieri“. Tranne il loro. Secondo la testimonianza del padre, “le maestre facevano fatica addirittura a pronunciare i nomi dei bambini“. Che, una volta rientrato, insieme alla moglie, decide di telefonare all’ufficio scuola del suo quartiere: “La prima risposta che mi hanno dato è che, se non mi andava bene, il posto l’avrei dovuto rifiutare mesi prima, ma io non me lo sarei nemmeno sognato. Chi può conoscerla e immaginarla la composizione di una classe nella materna? E soprattutto chi poteva immaginare che facessero classi con soli bambini stranieri?“. L’ufficio, all’uomo avrebbe risposto che nella classe erano presenti “otto bambini italiani”, ma il genitore puntualizza: “Ma sono italiani come il mio, cioè con cittadinanza italiana, figli di genitori immigrati, molti dei quali non parlano ancora l’italiano“.

“Così si ostacola l’integrazione”

Il 34enne vorrebbe ora togliere il proprio figlio dalla scuola comunale: “Stiamo cercando una privata, siamo disposti a pagare, ma il problema è che in Italia le private sono quasi tutte cattoliche e noi siamo musulmani“. E conclude: “Noi siamo genitori attenti e non ci basta che nostro figlio stia in un posto tutto il giorno, perché noi dobbiamo lavorare, vorremmo un posto che favorisca la sua crescita e che lo aiuti a sentirsi parte di questa città. Com’è possibile in una classe con più di 10 nazionalità diverse? Non è possibile, tenere 19 bambini stranieri insieme non è fare integrazione è ostacolarla“.

Leggi la notizia su Il Giornale

Segui le nostre rassegne su Facebook e su Twitter