Baby gang, la Questura di Rimini denuncia: il 60% dei giovanissimi controllati è di origini straniere


Da Rimini Today – Sono proseguiti anche questo fine settimana i controlli del territorio disposti dal Questore di Rimini, Rosanna Lavezzaro, mirati al contrasto delle “bande giovanili multietniche” che si riversano sulla Riviera. Per il terzo weekend di fila Riccione è stata una città “sorvegliata speciale” con 12 posti di controllo che hanno identificato 200 persone e ispezionato 64 veicoli.

Il bilancio della polizia di Stato ha visto denunciare a piede libero 2 minorenni che, in piazzale Roma alle 21.30, hanno rapinato un coetaneo. Bloccati e portati in Questura, al termine delle pratiche di rito sono stati affidati ai genitori. La Polizia Stradale ha denunciato in stato di libertà una persona per guida in stato di ebrezza e ritirato 4 documenti fra carte di circolazione e patenti di guida, una delle quali appartenente alla persona denunciata con un tasso alcolemico superiore a tre volte il limite consentito.

Dopo 3 settimane di controlli serrati, la Questura ha elaborato una accurata statistica sul fenomeno delle baby gang che arrivano in riviera durante il weekend. In tutto sono stati 400, tra giovani e giovanissimi, ad essere identificati col 60% di questi che è risultato essere di origini straniere. L’età media è compresa tra i 16 e i 22 anni ed un quarto è risultata minorenne.

Il 50 % degli identificati è giunto dalle province emiliane di Bologna, Modena e Reggio Emilia, quasi esclusivamente con i treni, mentre il 30 % delle persone identificate sono risultate oggetto di controlli estivi dello scorso anno. Sotto il profilo dei risultati operativi, un primo dato analitico sull’andamento della criminalità, ha permesso di riscontrare che, in ambito provinciale, nel medesimo periodo di riferimento tra la stagione 2021 e quella attuale, vi è stata una diminuzione in termini di delitti commessi del 15 %.

I servizi sono stati predisposti con ordinanza del Questore di Rimini e concordati in sede di Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, presieduto dal Prefetto, con il concorso dell’Arma dei Carabinieri e d ella Guardia di Finanza.

Questa attività si inserisce nella sistematica iniziativa di controllo del territorio su Riccione, iniziata già a metà maggio, anche con servizi straordinari che vengono prevalentemente organizzati nei fine settimana e nei week end festivi. In occasione dei mirati controlli per favorire l’operatività del personale della Polizia di Stato è stato riattivato, grazie alla disponibilità del Comune di Riccione, il posto estivo di Polizia presso piazzale Roma.

Leggi la notizia su Rimini Today