Austria, un’altra stretta del ministro Herbert Kickl: “Detenzione preventiva per i richiedenti asilo pericolosi”




Il governo austriaco vuole introdurre la detenzione preventiva per i richiedenti asilo pericolosi. Le porte del carcere dovrebbero aprirsi per i migranti «in odore di delitto», anche senza un’ordinanza del tribunale e senza che abbiano commesso alcun reato. A giudicarli pericolosi dovrebbero essere i funzionari del ministero, il giudice interverrebbe solo in un secondo momento, quando si trovano già dietro le sbarre. Il cancelliere dell’Övp, Sebastian Kurz, ha annunciato che il ministero dell’Interno e il ministero della Giustizia lavoreranno insieme ad un disegno di legge.

Leggi la notizia La Stampa

Segui le nostre rassegne su Facebook e su Twitter