“Apriamo i porti”, il sindaco PD di Lampedusa sommerso da lettere d’insulti: “Portali a casa tua, comunista di …”





(Adnkronos) – “Criminale, socio della mafia, portali a casa tua, comunista di merda”. E’ solo una delle ultime lettere piene di insulti e altre ancora con minacce ricevute dal sindaco di Lampedusa, Salvatore Martello. “Mi scrivono sia privatamente su Messenger di Facebook oppure mi inviano delle lettere. Ne ricevo a decine” confida all’AdnKronos. L’ultima cartolina arriva dall’isola di Burano, dove campeggiano le casette colorate e, ovviamente, non è firmata.


Martello viene accusato di aver aperto le porte ai migranti, soprattutto dopo avere detto di recente che i porti di Lampedusa “sono aperti”, riferendosi alla vicenda della nave Mare Jonio, con a bordo 49 migranti, tra cui 15 minori.

“Ma è la verità – dice sconsolato Martello – non mi risulta che ci sia un’ordinanza che prevede la chiusura dei porti in Italia e neppure a Lampedusa. E lo dimostra il fatto che negli ultimi giorni ci sono stati due sbarchi, con decine di persone, tra cui bambini e donne, arrivati al porto direttamente sui barchini. Anche se nessuno ne parla e non si fanno tweet…”.

La frase che echeggia su molte delle lettere arrivate recita ‘portali a casa tua’: “Queste missive arrivano da tutta Italia – spiega Martello – oppure mi scrivono direttamente. Uno mi ha scritto che non tornerà più a Lampedusa”. Ma, dice ancora il sindaco, “li vorrei incontrare di persona, mi piacerebbe vedere da vicino questi vigliacchi che si nascondono dietro l’anonimato. Abbiano il coraggio di farsi vedere. Ma non lo fanno”.

“Brutto asino – scrive un altro anonimo a Martello – invece di pensare agli immigrati, dove hai degli interessi economici, cerca di pensare alla tua isola”. E un altro: “Lampedusa è ormai provincia di Addis Abeba?”. Fino ad ora Martello non ha presentato alcuna querela. “Che senso ha?” dice. Poi aggiunge: “Queste cose vengono alimentate da una cattiva informazione che viene fatta anche da qualche esponente del governo…”.

Leggi la notizia su Adnkronos

   Segui le nostre rassegne su Facebook e su Twitter