Ancona, picchia la moglie italiana e cattolica per costringerla a seguire il Ramadan: condannato tunisino




di Federica Serfilippi – ANCONA – Era accusato di aver picchiato e maltrattato la sua ex compagna, arrivando persino a segregarla all’interno della stanza che i due dividevano alla Casa de’ Nialtri, lo stabile della Regione occupato per anni da senza fissa dimora. La vittima, una 45enne di origine laziale, aveva addirittura sostenuto che lui, un tunisino di 30 anni, l’aveva costretta al digiuno del Ramadan. L’incubo per la donna si sarebbe palesato tra l’aprile e il luglio 2015, mese in cui aveva deciso di rivolgersi alle forze dell’ordine.

Leggi tutta la notizia su Corriere Adriatico

Segui le nostre rassegne su Facebook e su Twitter- ©RASSEGNEITALIA