Altro che “rubli leghisti”, dagli Usa pioggia di dollari per gli esponenti del PD: ma il finanziatore è “anonimo”