Altro che galassia fascista. Nelle chat No-Vax di sinistra si inneggia alle Brigate Rosse e ai Black Bloc



Di – I no pass non si arrendono e dopo gli scontri di Roma lo dicono chiaro e tondo nelle ormai celebri chat su Telegram: “Sabato 9 ottobre è stata solo un’anteprima“. Annunciano un crescendo di tensioni nelle città italiane per arrivare al 15 ottobre quando, dicono, “sarà guerrà“.

Il Viminale si sta organizzando per scongiurare altre piazze calde come quelle di Roma e di Milano dello scorso weekend, si stanno predisponendo controlli serrati e strette sulle manifestazioni ma dall’altra parte non sembrano intenzionati ad arrendersi, alzi, considerano le azioni del governo come una sfida nei loro confronti.

Che guerra sia, per come si stanno muovendo le cose“, dicono spavaldi facendosi forza gli uni con gli altri. Al momento, nei gruppi Telegram e su Facebook si stanno organizzando per scendere in piazza dal 15 ottobre, giorno in cui il Green pass diventerà obbligatorio per tutti i lavoratori. Vogliono manifestare a oltranza e il 19 ottobre pare sia in programma un “girotondo” a Montecitorio. Sono tanti quelli che spingono per la protesta pacifica ma quelli che, invece, vogliono arrivare allo scontro frontale non sono certo pochi.

Gli devi tirare le bombe a questi per capire come si lotta“, si legge scorrendo nei loro discorsi, spesso deliranti, che inneggiano alle “bombe a mano per i poliziotti antisommossa“. I due grandi cortei di sabato 9 si sono svolti a Milano e a Roma. In entrambe le città i manifestanti e le forze dell’ordine sono arrivati allo scontro ma è nella Capitale che la lotta si è fatta più dura.

La prossima volta non ci troverete a mani nude“, minacciano i no pass violenti, come se a Roma non siano state lanciate bombe carta nei pressi di Montecitorio. E sono proprio i palazzi di piazza Colonna l’obiettivo di parte dei manifestanti, che nelle loro intenzioni vorrebbero occupare palazzo Chigi e il parlamento per spingere i politici al passo indietro. “Prendete i Palazzi“, “Draghi, ti veniamo a prendere sotto casa“, si legge ancora. Ma gli obiettivi sono molto più ampi, perché l’auspicio di qualcuno è che “brucino in piazza tutti quei criminali“.

Ma la strategia sembra più complessa di quello che non appare limitandosi a leggere questi discorsi, perché scorrendo nelle chat si intuisce che i fronti sui quali vogliono combattere sono molteplici e non si fanno scrupoli nel portare in piazza i più deboli da utilizzare come scudi umani davanti alle forze dell’ordine. “Ma se mettiamo anziani e bambini davanti alle manifestazioni, che faranno?“, si domanda qualcuno. Il popolo dei “pronti a tutto“, come si definiscono in alcuni scambi di vedute, ha principalmente tre obiettivi: la politica, la stampa e le forze dell’ordine.

I giornalisti vengono definiti “servi del potere“, “schiavi della dittatura” ed ecco che arrivano anche le proposte di “sfasciare” le redazioni perché “dicono una marea di cazzate“, oppure di “occupare le emittenti tv“. Ai manifestanti di Milano è stato chiesto di andare a Mediaset e alla Rai e i giornalisti, come si è visto sabato 9 ottobre, hanno rischiato in più di un’occasione di essere aggrediti dai manifestanti mentre documentavano gli scontri.

E così, tra chi incita alla violenza al grido di “speriamo di bruciarli tutti“, ci sono anche i nostalgici, non solo quelli neri, che rimpiangono gli anni di piombo: “Purtroppo non ci sono più le Br“. E ci sono anche gli irriducibili dei primi Duemila: “Sono qui, no Global 100%, insieme a molti altri. Combattevo allora per diritti di altri che sono nati in altri Paesi, oggi combatto per il mio, dove i diritti sono stati corrotti e negoziati per Big pharma. Ora come oggi mi oppongo allo strapotere delle multinazionali. Di black block non voglio sentir parlare“.

Nelle chat le minacce non sono più troppo velate e nemmeno la consapevolezza che i gruppi siano strettamente attenzionati dalle forze dell’ordine che, nello svolgimento del loro lavoro, controllano le frange più eversive funziona come deterrente. “Guardarli in faccia e poi aspettarli sotto casa… Vedi come gli passa“, è la promessa fatta ai poliziotti, ai politici e ai giornalisti.

Leggi la notizia su Il Giornale