Alluvione, ora Schlein fa lo scaricabarile: “In Emilia non mi occupavo di clima, ma ero una brava assessore” ūü§°

Da¬†Affari Italiani¬†– In prima fila Marcegaglia e Melandri.¬†Elly Schlein, segretaria del Partito Democratico, protagonista al Festival dell’Economia di Trento intervistata da¬†Fabio Tamburini, direttore del¬†Sole 24 Ore. La leader Dem, che per la prima volta parla della sua visione economica, scalda la platea. Numerosi e calorosi applausi.

Parlando della tragedia in Emilia Romagna,¬†Schlein, che √® stata vicepresidente della regione e assessore al Patto per il Clima, ha detto: “Come Pd stiamo dando piena disponibilit√† ai territori colpiti e al governo a lavorare insieme con uno spirito unit√† nazionale, in termini di ristori e di ripristino.

Stiamo parlando di un fenomeno di portata mai vista, abbiamo avuto l’esondazione di 23 fiumi e in 4 giorni c’√® stata la pioggia che solitamente si vede in sei mesi. Dobbiamo individuare risorse per imprese e agricoltura, che hanno subito un danno incalcolabile.

Le prime stime parlano di 7 miliardi, e abbiamo pi√Ļ di 20mila sfollati, il Pd c’√®. C’√® anche lavorare a un piano per la prevenzione del dissesto idrogeologico, piaga da tempo. Adesso non √® il momento della strumentalizzazione politica, serve lavoro trasversale”.

Ma Schlein era assessore al Clima…¬†“In Emilia Romagna √® stato fatto molto si pu√≤ fare di pi√Ļ, abbiamo messo in campo 1 miliardo di investimenti con il 72% realizzati, oggi √® il momento di semplificare il quadro normativo. C’√® anche anche una responsabilit√† nazionale, serve buona capacit√† di spesa.

C’√® stato tanto negazionismo dei cambiamenti climatici. Lavorare tutti insieme a una legge che contrasti il consumo di suolo”. Poi alla domanda specifica sulle sue responsabilit√† in quanto assessore, la segretaria del Pd ha risposto: “Non mi occupavo io di ambiente, ma una brava assessore che ora √® vicepresidente“.

Schlein a Trento, la visione economica della segretaria del Pd

“Credo che abbiamo una politica che si √® troppo ristretta nel suo orizzonte a inseguire l’hashtag quotidiano, invece vorrei una politica a lunga gittata, che si occupi dei prossimi trent’anni, lunga nel pensiero perch√© queste sono le sfide cruciali. La crescita del Pil √® importante, certo, ma serve uno sforzo per cambiare il modello di sviluppo.¬†Serve anche il Bes. Non serve pi√Ļ soltanto il Pil per misurare il benessere di una societ√†”.

Continua a leggere su Affari Italiani