Aggressione ucraina nel Donbass, uccisi due civili. Esodo verso la Russia, Putin accoglie i primi 40mila profughi





Di Adolfo Spezzaferro – Roma, 20 feb – Continua l’esodo dal Donbass mentre proseguono gli attacchi delle forze ucraine contro i separatisti filo-russi: nella notte uccisi due civili. Secondo quanto riportato da Sky News, una forte esplosione si è registrata questa mattina nel centro di Donetsk, nel Donbass, nell’Ucraina orientale.

L’origine dell’esplosione non è chiara, mentre i separatisti non hanno rilasciato dichiarazioni. I separatisti filo-russi nell’est dell’Ucraina hanno chiamato la popolazione alla mobilitazione generale, denunciando che le forze di Kiev sono “in piena allerta da combattimento“.


Donbass, prosegue l’esodo verso la Russia. Due civili uccisi dalle forze militari ucraine

Nella notte, secondo la Tass, l’agenzia di stampa ufficiale russa, numerosi attacchi con artiglieria pesante avrebbero raggiunto Donetsk e altre città dell’autoproclamata Repubblica popolare filo-russa. In particolare, le forze armate ucraine hanno tentato di attaccare le posizioni della repubblica filorussa di Lugansk e hanno distrutto cinque edifici residenziali. Sono stati bombardati anche tre insediamenti nella Repubblica popolare di Donetsk. A Lugansk due civili sono rimasti uccisi nel tentativo delle forze armate ucraine di sfondare nel vicino villaggio di Pionerskoye, a 7 km dal confine con la Russia.

Sono già 40mila i civili che hanno raggiunto la regione russa di Rostov

Intanto prosegue l’esodo di massa verso la Russia. L’agenzia Interfax, citando Alexander Chupriyan, ministro ad interim per le situazioni di emergenza, ha riferito che sono circa 40mila i profughi fuggiti dal Donbass e giunti nella regione russa di Rostov. “Più di 40mila persone, che hanno dovuto lasciare le regioni limitrofe, sono arrivate in Russia.

A questo punto sono ospitate principalmente in 92 centri di accoglienza temporanea”, riferisce il ministro. Lunghe code di automobili di residenti che abbandonano le proprie case si sono formate nella notte. Evacuazione di massa di donne, anziani e bambini diretti nella regione russa di Rostov. Almeno sei i treni partiti nella notte, con centinaia di persone a bordo.

Agenzia Tass: “Sono 950mila i residenti del Donbass che hanno chiesto la cittadinanza russa. In 770mila l’hanno già ottenuta”

Sempre secondo la Tass, sono 950mila i residenti del Donbass che hanno richiesto la cittadinanza russa, mentre oltre 770mila l’hanno già ottenuta. L’agenzia ha citato il deputato della Duma di Stato della regione di Rostov, Viktor Vodolatsky: “Il numero totale di coloro che hanno presentato domanda è di circa 950mila. Le persone ora continuano a rivolgersi ai servizi di migrazione e a scrivere domande per ottenere la cittadinanza russa”, aggiunge.

Adolfo Spezzaferro

Continua a leggere su Il Primato Nazionale